In offerta!

Shogun kara Taishi

53,26

Shōgun, approssimativamente "grande generale", era un titolo militare giapponese per i capi della nobiltà guerriera dei samurai dal XII secolo fino al 1867.

0,00
  • Opzioni Prezzo: 0,00
  • Prezzo del prodotto: 53,26
  • Totale: 0,00
COD: NSS-JP-TI Categoria:

Descrizione

Shogun

Shōgun, approssimativamente "grande generale che sottomette i barbari"/"generalissimo") era un titolo militare giapponese per i capi della nobiltà guerriera dei samurai dal XII secolo fino al 1867. In origine, uno Shōgun era più o meno equivalente a un duca europeo e veniva nominato solo temporaneamente in questa posizione, che veniva con poteri speciali, nelle emergenze quando si combattevano gli emishi. Minamoto Yoritomo riuscì poi a farsi trasferire ereditariamente questo titolo dall'imperatore nel 1192 dopo la fine del periodo Heian.

Lo Shōgunat inizialmente si riferiva solo alla famiglia, più tardi anche all'apparato amministrativo dello Shōgun. In giapponese, si riferiva a se stesso come kōgi (letteralmente affari ufficiali, cioè "governo centrale"); dal XIX secolo in poi, fu indicato come bakufu (letteralmente governo della tenda nel senso di "governo militare") per distinguerlo dalla corte imperiale, che era sempre più considerata come sovrana. Il bakufu rimase il centro politico dominante del paese fino alla sconfitta del Tokugawashogunate nella guerra Boshin nel corso della Restaurazione Meiji nel 1868, quando fu abolito insieme allo stato dei possedimenti che era esistito fino ad allora.

Nobiltà giapponese

Fino al V secolo d.C., la nobiltà in Giappone era solo una libera associazione di clan che dominavano il suolo. Nel VI secolo, il potere imperiale centrale del Tennō concesse titoli ereditari di status ad alcuni capi clan. L'autorità effettiva dei capi clan era quindi delegata e legittimata dallo Stato.

Nel VII secolo, nel corso dell'instaurazione del sistema Ritsuryō, fortemente influenzato dalla Cina, il criterio della nobiltà di nascita fu sostituito dall'abilità amministrativa. Con una legge provinciale del 701, la nobiltà di nascita fu sostituita da una nobiltà di merito di funzionari civili (Kuge). Sotto la guida di questa nobiltà di merito, che si concentrava sempre più nella capitale Heian-kyō (oggi Kyōto), le associazioni di guerrieri terrieri e amministratori di beni provenienti dalle province scalzarono sempre più la nobiltà civile dal potere fino al 1200 circa. La cosiddetta nobiltà della spada (Buke, soprattutto samurai, Daimyō, Shōgun) governò poi il Giappone fino al 1868, lasciando al Tennō solo compiti sacerdotali, di conservazione della cultura e di legittimazione. Nel 1884, nella Restaurazione Meiji da parte (o almeno per conto) del potere imperiale, la nobiltà civile e la nobiltà di spada furono combinate in una nobiltà unificata (kazoku), e il rango samurai come tale fu abolito. Con la legge del 7 luglio 1884, la nobiltà fu classificata in cinque classi secondo il sistema britannico dei pari, ma per loro furono usati titoli cinesi. A differenza della regola in Cina, era ereditario a tempo indeterminato sul principio del primogenito, in modo che i figli minori di un nobile titolato erano senza titolo di nobiltà per tutta la loro vita e l'erede durante la vita del padre. Dopo la seconda guerra mondiale, la nobiltà come istituzione fu abolita dalla Costituzione del 1946. Solo la famiglia imperiale stessa è rimasta.

 

Menu