In offerta!

Tianzi cóng Jìnyáng

53,26

Il titolo di Tianzi significa letteralmente Figlio del Cielo e fu usato da molti sovrani della Cina indipendentemente dal loro rango.

0,00
  • Opzioni Prezzo: 0,00
  • Prezzo del prodotto: 53,26
  • Totale: 0,00

Descrizione

Tianzi

Il titolo di Tianzi significa letteralmente Figlio del Cielo e fu usato da molti sovrani della Cina indipendentemente dal loro rango. Il termine, apparso per la prima volta nella dinastia Zhou, si basa sul concetto di Mandato del Cielo, che non deve essere confuso con il concetto europeo di diritto divino, poiché legittima il dominio solo finché è buono o ha successo. Tianzi come titolo di un sovrano simboleggiava anche la pretesa di governare sulla tianxia (letteralmente [tutto] sotto il cielo), cioè il mondo.

Jìnyáng è stato costruito nel 497 a.C. e ha una storia di oltre 2500 anni. Con il suo nome attuale Taiyuan, è la capitale della provincia dello Shanxi nella Repubblica Popolare Cinese e si trova ad un'altitudine di 780 m sul fiume Fen He. Il complesso del Tempio di Jinci situato a Tàiyuán è stato inserito nella lista dei monumenti della Repubblica Popolare Cinese dal 1961.

Nobiltà cinese

La nobiltà nella Cina imperiale subì una trasformazione che durò diverse migliaia di anni. Prima che in Europa, si sviluppò un sistema feudale, un'amministrazione sedentaria e infine un sistema statale, che modellò la cultura e la struttura sociale dell'impero. Nonostante gli sconvolgimenti interni ed esterni, le forme tipiche rimasero le stesse, come il patriarcato, la primogenitura di numerosi titoli o il potere centrale del sovrano supremo e della sua corte. Solo con l'abolizione dell'impero il potere sociale della nobiltà cinese fu spezzato.

Il sistema di nobiltà cinese emerse nel 1° millennio a.C. durante la dinastia Zhou. Confucio, nella sua opera sui riti Zhou, codificò il sistema di nobiltà tradizionale della dinastia Zhou poco dopo la nascita di Cristo, che divenne la base dei livelli di nobiltà in Cina, anche se il sistema continuò ad evolversi.

Imperatore della Cina

Prima di Qin Shihuangdi, si usavano i termini Huang per dio-re/ sublime e Di per antenato-re/imperatore. Entrambi i termini possono anche essere tradotti in modo diverso, ma mostrano la venerazione dell'essere sovrumano o semi-divino che è designato da essi. Qin Shihuangdi attinse a questo materiale concettuale esistente dai miti degli otto imperatori originali della Cina (Tre Huang e Cinque Di) quando introdusse il titolo di Huangdi nel 221 a.C. dopo aver sconfitto tutti i Wang concorrenti. Questo mostrava la sua pretesa di essere un sovrano più grande di qualsiasi wang prima di lui; il suo titolo includeva anche lo shi, mostrando il suo rango come Primo Huangdi. La parola componente Di simboleggiava anche il suo attaccamento al concetto divino di Shangdi. Il titolo di Huangdi non deve essere confuso con l'Imperatore Giallo.

Dopo la fine della dinastia Qin, tutti i sovrani che rivendicavano il dominio generale della Cina portavano il titolo di huangdi fino all'abdicazione dei Puyis nel 1912. Le dinastie che emergevano da sovrani stranieri, come la dinastia Yuan dei mongoli, portavano il titolo di huangdi insieme ai loro titoli stranieri. Come in Europa, per esempio con i papi e i contropapi, non era insolito che più huangdi ricoprissero la carica allo stesso tempo.

Nelle traduzioni occidentali, il titolo Huangdi è solitamente tradotto come Imperatore della Cina, il significato letterale è qualcosa come Divino Esaltato.

Menu